sausage-2541608_1280.jpg

food blog

Experience

Mulini: Antiche tradizioni calabresi!

Quant'è bello tornare da lavoro e trovare a tavola un bel piatto di pasta fumante? Spettacolare!


Vi abbiamo proposto e documentato alcune ricette e argomenti che riguardassero questo quotidiano alimento.

L'altra sera però, nel ritorno verso a casa, accendo la radio ed inizio con piacere ad ascoltare una canzoncina che insieme allegramente si cantava da piccoli a scuola, "Ci vuole un fiore".


La canzone descrive il ciclo di vita di un “qualcosa” che è un tutt’uno con l’ambiente: che sia un fiore, un albero, un monte o la Terra.


Per questo motivo ci siamo chiesti, perchè non approfondire come viene prodotta la farina in Calabria e di conseguenza il processo evolutivo che porta alla pasta?

Normale processo della produzione della farina

Partiamo col dire che la farina alimentare è il ricavato dalla macinazione di frutti secchi o dei semi di svariate piante. Abbiamo così la produzione di svariati tipi di farina: Grano, orzo, mais, farro, riso, avena, segale, castagne, ceci, mandorle e grano saraceno.


Indichiamo però col nome di farina quella ottenuta dal grano tenero e usata per la pianificazione, in pasticceria ed in cucina, meglio nota come "semola".


L'industria che provvede alla macinazione del frumento si chiama molitoria. I moderni mulini sono organizzati in sezioni distinte:

  1. Ricevimento e pre-pulitura;

  2. silos vengono conservate le scorte di frumento, che devono essere periodicamente ventilate per migliorare la conservazione ed evitare il formarsi di muffe;

  3. Pulitura;

  4. Condizionamento;

  5. Seconda pulitura;

  6. Macinazione il mulino vero e proprio che in più passaggi da minimo 8 a 14 o più passaggi, provvede a macinare e separare perfettamente la farina dai sotto-prodotti;

  7. Fariniere depositi verticali simili a silos dedicati specificamente alle farine;

  8. Confezionamento ed insaccaggio delle farine in sacchi;

  9. magazzino, vengono ci sacchi di farina in attesa della spedizione;

I molini industriali sono normalmente strutture complesse con macchine disposte su più piani da minimo 3 a 5 o più piani, questo per ridurre il numero dei trasporti e sfruttare l'effetto di caduta del prodotto da una macchina a quella successiva.


Per la macinazione a livello industriale si utilizzano macchine chiamate laminatoi che possiedono dei rulli in una speciale lega di ghisa/nichel/cromo temprata superficialmente.


Ultimo mulino a pietra della Calabria, Mulinum!

Girovagando ed informandoci in giro per la Calabria, abbiamo scoperto l'ultimo mulino a pietra ancora attivo in Calabria!


Dal progetto di un ragazzo di nome Stefano Caccavari, nasce nel terreno in cui era stata disposta la costruzione di una discarica, che peraltro sarebbe stata la più grande d'Europa, il progetto Mulinum!

Una delle prime startup agricole create nell'era del Network, con una mission non solo ben precisa ma anche lodevole: Far tornare sulle tavole, gli antichi sapori che solo le farine antiche macinate a pietra.


Come già specificato poc'anzi, dotato di macine in quarzo di "La Fertè", quello di San Floro (Provincia di Catanzaro) è l'unico mulino a pietra ancora attivo in tutta la Calabria.

La nuova azienda agricola biologica macina esclusivamente a pietra e produce pane, pizza e biscotti con farina integrale al 100%, lievito madre e sulla base di ricette tradizionali.


Due mulini francesi del 900 dunque, a far fronte a tutte le esigenze che quest'attività comporta, fatti in quarzo in modo che non vadano a trasmettere calore alla farina, che contribuirebbe alla consumazione dei nutrienti interni alla farina! Ecco perchè essa diventa così speciale!


C'è molto altro da raccontare..


Ma il nostro amico Jim ha deciso di andare a far visita a questo monumentale mulino per descrivere più dettagliatamente i processi che portano ad un prodotto finale eccezionale... Ne vedremo delle belle!








Post recenti

Mostra tutti